Jane Fonda rompe il silenzio. Inviata da attrice Brie Larson per la rivista americana The Edit, icona femminista affidato essendo stata violentata nella sua giovinezza. "Sono stata violentata, stato abusato sessualmente del bambino e mi licenziato per non aver voluto dormire con il mio capo, e ho sempre pensato che fosse colpa mia". Questa è la prima volta che l'attrice, ormai 79 anni, si esprime sull'argomento. Dimostrando quel passato, Jane Fonda vuole trasmettere un messaggio: "So che le ragazze che sono state violentate non pensano che sia stata violenza. Dicono: 'E' sicuramente perché ho detto di no per il modo sbagliato.' Una delle cose che il movimento delle donne ci ha insegnato è che [lo stupro e violenza] non sono colpa nostra".

attivista per i diritti delle donne ferventi, Barbarella garantisce tuttavia "hanno tardato a mettere in azione il femminismo". "Il mio impegno è emerso che nei miei 31 anni. Ho capito cosa stava realmente accadendo in Vietnam, e non mi importava se o non stavo andando a lavorare di nuovo; Ho anche avuto l'idea di fermarsi per assumermi a tempo pieno", Ammette.

Altri trigger: il gioco I monologhi della vagina, un gioco impegnato nella liberazione delle donne. "Il pezzo mi ha fatto ridere, ma il mio DNA è cambiato quel giorno. C'è voluto un po 'perché ero stato educato a soddisfare altri", Ricorda. Da allora, l'ex fidanzata di Ted Turner partecipa a molti eventi di beneficenza e attivisti. Nel 2002 ha inoltre fondato Jane Fonda Centro per la salute riproduttiva degli adolescenti, un centro di prevenzione per gli adolescenti.

Leggi anche:

-  "Sono ordinaria" : Un film breve agghiacciante sullo stupro coniugale

- VIDEO - Nuova campagna choc contro lo stupro