Se errare è umano, alcuni sono conseguenze più o meno gravi. Nei Paesi Bassi, il centro medico accademico UMC ha aperto un'inchiesta dopo una miscela probabile di sperma per la fecondazione in vitro (IVF) di 26 donne. 

"Nel periodo compreso tra la metà di aprile 2015 e la metà di novembre 2016, una violazione procedurale si è verificato nel laboratorio di fecondazione in vitro (IVF). E 'possibile che lo sperma di un'altra coppia dopo il trattamento si sono trovati nei pressi della fecondazione dell'uovo di 26 coppie. C'è una possibilità che le uova sono state fecondate dallo sperma di un altro uomo come il padre desiderava"Confessa l'UMC in un comunicato. Questo sarebbe probabilmente il seme di un singolo donatore che sono state inseminate 26 volte. "Le probabilità che questo è il caso sono sottili, ma non possiamo escludere"Dice centro medico universitario olandese.

Delle 26 donne in questione, 9 hanno dato alla luce e 4 altoparlanti. Le nuove mamme passano un test del DNA per verificare la relazione del loro bambino. L'University Medical Center sta anche studiando come ridurre al minimo le conseguenze per le coppie e il laboratorio. "In un primo momento, ero preoccupato. Non volevo che il mio bambino non è quella di mio marito. Ma io sono anche contento che UMC non cerca di soffocare questo caso", Ha testimoniato una di queste madri a CNN. Ma la notizia non può fare "felice" tutte le donne vittime di errori. 

Leggi anche:

- Gli inglesi permettono la fecondazione in vitro con 3 DNA

- FIV: ci vuole una media di 6 tentativi di avere un bambino